Ristorante 34 da Lucia a Vietri sul Mare

Quanto è bella la Costiera Amalfitana e quanto è buona… ma anche cara.

L’offerta ristorativa da queste parti passa dagli stellati alle trappole per turisti riuscendo però a conservare delle trattorie veraci in cui si può decidere quanto spendere.

Una tra queste è il Ristorante 34 da Lucia, nel centro del borgo di Vietri sul Mare, un po’ nascosta all’interno di una piazzetta che si apre all’interno degli stretti vicoli.

Pochi fronzoli, materie prime fresche (salvo altrimenti segnalato in menu), e alternanza tra grandi classici della zona e qualche aggiunta di stagione.

34-da-lucia-vietri

Al nostro tavolo abbiamo optato per un pranzo veloce ma sostanzioso: un piatto di genovese di tonno (pasta condita con il tipico sugo alla genovese napoletano fatto con cipolle e carne in lunga cottura qui viene preparato con il tonno appunto) e un piatto di antipasto misto di mare (alici fritte e marinate, polpo, polpettine di pesce, totano ripieno, pesce in bianco, salmone e patate e tonno). Da bere solo acqua.

34-da-lucia-genovese-tonno

Porzioni generose, sapori chiari e un buon rapporto qualità prezzo per mangiare bene nel centro di Vietri senza spendere troppo.

L’indirizzo è Via Scialli 48, Vietri Sul Mare (SA), è consigliabile prenotare al numero 089 761822

Annunci

Ristorante Maria Grazia a Nerano, spaghetti intramontabili

spaghetti nerano

Spaghetti alla Nerano, ovvero con zucchine, pepe, caciocavallo, e basilico, con un gusto particolare che è il segreto del Ristorante Maria Grazia a Nerano.
E’ lì dalla prima metà del ‘900, uno stanzone antico sul mare (la cucina) e la palafitta di legno con i tavoli. E’ aperto tutto l’anno (tranne forse qualche giorno in inverno), la gestione è familiare da generazioni e la cucina davvero genuina. Pesce freschissimo (occhiate, ricciole, totani e tutto quello che il golfo può offrire), e lo spaghetto più famoso del golfo.
Chi non ama i sapori forti può optare per un classico spaghetto grosso alle vongole accompagnato da vino bianco e percoche, o sughi di pesce. Anche gli gnocchi alla sorrentina sono un classico. Consiglio di non perdere l’antipasto a base di involtini di melanzane, crocchè, fiori di zucca fritti e alici marinate (il prezzo è caro). 
Maria Grazia è in un angolo di paradiso
 sulla spiaggia di Nerano, specialmente fuori stagione, magari ad aprile o ottobre può essere una tappa che ristora il corpo e l’anima, se decidete di mangiare qui non pensate a nulla se non a godervi la calma, i gatti sotto il tavolo e il rumore del mare.
Se vi trovate in zona chiedete come si arriva all’Annunziata e alla casa di Murat, dove toccherete Capri con un dito.
Un solo difetto ha Maria Grazia, non porta il menù, non fa la ricevuta ed è abbastanza caro (soprattutto l’antipasto).

Ristorante Maria Grazia: Via Marina Del Cantone, Massa Lubrense, NA Tel. 081 8081011

Il ristorante San Pietro a Cetara rimane una certezza

genovese di tonno

Ne avevo già parlato nell’ormai lontano 2010 del Ristorante San Pietro a Cetara, e oggi si riconferma un ottimo punto di riferimento in Costiera Amalfitana. Il giorno di Pasqua, sole e pioggia si rincorrevano nel piccolo borgo a pochi km da Vietri sul Mare, ma l’atmosfera è rimasta lenta e accogliente come sempre. Due antipasti composti di 4 assaggi ciascuno, farro con colatura di alici, tortino di ricotta avvolto in fiore di zucchina e acciuga, crudo di tonno affettato e insalatina di mare. Poi la superba genovese di tonno, il risotto alla pescatora in bianco e carico di mare e un fritto di gamberi e calamari delicatissimo. Mezzo litro di vino della costiera, due dessert e 4 liquori, limoncello fatto in casa e liquore di mela annurca. In totale due antipasti tre primi un secondo due dolci, acqua vino e liquore per 130 euro. Si fa pagare (e attenti che faccia sempre la ricevuta) ma è davvero tutto ottimo, il pesce freschissimo e cucinato con maestria e semplicità.
Ristorante San Pietro
Piazza San Francesco 2, 84010 Cetara Salerno
Tel. 089 261091