Pizzeria Gorizia 1916, Napoli

pizzeria gorizia bernini

La buona pizza, già ne abbiamo parlato, per me è un obbligo. Ne descriverò diverse qui, la maggior parte ovviamente ubicate a Napoli. Quella di cui parlerò oggi non è nel centro storico, ma è abbastanza vecchia e navigata. 
Pizzeria Gorizia
, nel cuore del Vomero, quartiere residenziale e “bene” della città.
Vicino piazza Vanvitelli c’è lo storico locale (troverete un’altra pizzeria Gorizia vicino via Cilea, ma pare siano diverse gestioni), non grande e sempre affollato, ma buono, buono davvero.
Pizza piccola, morbida e saporita, prima di gustarvela fatevi portare una bella frittura all’italiana, è abbondante per cui una basterà epr due persone (poi dipende dalla vostra fame.
Buonissimi anche i contorni (parmigiana di melanzane, carciofi alla romana ecc.) ma cari. Buonissima la qualità anche del ristorante, sia di carne che di pesce, ma attenti al conto, leggete bene i prezzi e controllate sempre alla fine. E’ brutta abitudine a Napoli gonfiare i prezzi (soprattutto per piatti misti come i contorni).

Per mangiare una pizza un po’ diversa provate il ripieno gorizia, magari in primavera/estate, ha un ripieno di provola e melanzane a funghetto, fatevelo preparare ben cotto, è davvero speciale.

Ristorante Pizzeria Gorizia via Bernini 29, Napoli; Tel. 081 5782248

L’Agriturismo Vallenostra e la riscoperta del Montebore

risotto montebore

Che bello con il caldo asfissiante di Milano andare a ristorarsi in Val Curone, anzi in questo caso in Val Borbera. L’Agriturismo, caseificio, cascina Vallenostra è l’unico produttore del formaggio Montebore, presidio Slow Food, ed è gestito da due persone straordinearie: la cuoca Agata e il suo compagno Roberto.

Ma andiamo al sodo, cosa si mangia? Formaggi e maiale sono prodotti in cascina, in generale le materie prime rispettano stagionalità e km 0. L’antipasto è abbondante e gustoso, salumi, formaggi, focaccia fatta in casa, fritti liguri (cuculli di patate, latte fritto) e tortino di ricotta e verdura. La pasta (sempre fatta in casa, come il pane del resto) squisita. Tagliatelle rosa (perché impastate col pomodoro, condite con piselli e asparagi, oppure risotto con montebore e asparagi. E poi una squisita tagliata di manzo e pancetta di maiale ai ferri accompagnati da verdure di stagione scottate. La conclusione ideale è stata la panna cotta freschissima con fragole alla cannella.

Tutto accompagnato dal Timorasso un vino prodotto in valle. In quattro, tre antipasti 2 primi, due secondi, due dolci e una bottiglia di vino per 25 euro a persona. Un prezzo onestissimo considerata la ricercatezza delle materie prime e la genuinità dei piatti.

Dopo il lauto pranzo ci siamo trattenuti per una cordiale chiacchierata con i gestori. Potete trovarli il giovedì a Milano al mercato di via San VittoreVisitate anche il caseificio al piano superiore, in cascina è possibile anche pernottare. Per mangiare è necessaria la prenotazione

Vallenostra Agriturismo e Caseificio Cascina Valle 1, Mongiardino Ligure (AL); telefono 0143 94131