Pomodoro San Marzano, gusto e territorio

Quando capita che qualcuno mi chiede: qual è l’alimento a cui non riusciresti mai mai a rinunciare?

Io non ho esitazione alcuna e rispondo in modo secco “il Pomodoro”.

Cotto, crudo, da insalata, piccolo, grande più o meno dolce/acido a me piace sempre.

Da ragazzina, in gita a Pompei, sconfinavo nei campi dei contadini per staccare dalla pianta e spremermi in bocca il succo di quello che poi sarebbe diventato il piennolo.

Continua a leggere

Annunci

La migliore pasta da comprare secondo me

Da un po’ di tempo, per non farmi mettere troppo in crisi dal “questo fa male” “quest’altro pure”, ho deciso di essere ancora più incisiva nel modo in cui faccio la spesa.

Se è vero che nella dieta è bene variare il più possibile ciò che si mangia, applico questo concetto anche alle materie di base che uso, come la pasta: il principio è comprare diverse marche che reputo le migliori.

Esiste davvero la marca migliore di pasta? Secondo me no, si possono comprare degli ottimi prodotti (ovviamente spendendo di più), ma tutti conterranno sempre qualcosa che potrebbe nonf ar bene al nostro organizmo (dai pesticidi usati nel grano, all’eccesso di glutine).

Ecco dunque da un po’ di tempo a questa parte quali sono le scorte di pasta della mia dispensa e perché:

Pasta Gentile

pasta-gentile-1

Pastificio artigianale di Gragnano, grano duro del sud Italia, essiccazione naturale, ottima tenuta della cottura, tira il sugo che è una bellezza per cui meglio abbondare e utilizzare l’acqua di cottura per condire. I formati preferiti sono il fusillo fatto a mano da 7,50 euro al pacco (500g), lo spaghettone con lo spessore di oltre 2 millimentri, penne lisce e ziti (un grande classico con i sughi napoletani). Quando ne ho la possibilità compro anche qualche formato integrale (è molto saporito ma devo dire che nella cottura non riesce bene come la bianca). A Napoli costa 2,90 500g salvo formati speciali.

Grano Armando

cannerone-grano-armandoAzienda dell’Irpinia, grano 100% italiano (e quindi in capa a me più controllato e meno trasportato), buona tenuta della cottura, 13,5 g di proteine su 100 g, tira bene il sugo rimanendo comunque scivolosa.

I formati che preferisco sono gli Spaghetti alla chitarra e il Cannerone. Costa 1,90 500g.

Pasta Rigorosa

Pasta di Gragnano realizzata con trafila in bronzo ed essiccazione a basse temperature la trovo solo sporadicamente da Eataly Roma e confesso che la acquisto solo quando la mettono a 1 euro al pacco. Buona la quantità di proteine, ottima la cottura, tira il sugo mediamente. Il formato che preferisco sono i fusilli e le penne rigate, non la pasta lunga. A prezzo pieno costa 1,98 500g.

strozzapreti-girolomoni

Pasta Girolomoni

Marchio storico biologico delle Marche, lo compro sporadicamente perché posso scegliere tra vari tipi di grano differente coltivati sulle colline marchigiane. La tenuta della cottura non ai livelli delle paste di Gragnano, il sapore però è molto buono, sia in bianco che integrale. Il formato che preferisco sono gli strozzapreti tricolore (con peperoncino e ortica). 1,98 500g (dipende però dai grani).

Tra i marchi del supermercato e quindi più industriali mi trovo bene con De Cecco, Garofalo (non tutti i formati), Coop fior fiore Gragnano, e Granoro integrale.Trovo che il rapporto qualità/prezzo (soprattutto quando in offerta che si aggira intorno ai 0,75 centesimi) di questi marchi sia ottimale per un uso quotidiano della pasta.