Nero Vaniglia, finalmente ho trovato la mia pasticceria di quartiere

Percorrendo la Circonvallazione Ostiense direzione Garbatella ponte Spizzichino, passavo continuamente davanti ad un’insegna Pasticceria senza intuirne il nome.

Una calda mattina di giugno finalmente mi sono fermata e nonostante l’invitante bancone di mignon, presa dal caldo, ho mangiato un gelato alla fragola e fior di bufala. Buonissimo. La fragola è freschissima e il fior di bufala saporito ma per niente pesante. Gelato delicato che quando hai finito di mangiarlo ne chiedi ancora e non perché ci sia qualche strano additivo dentro, ma perché è talmente leggero che non stufa per niente.

Continua a leggere

Dove mangiare bene a Madrid

Pare che Madrid sia la città con più bar per abitante in Europa (e magari anche nel mondo), una capitale in continuo fermento dove però non si corre, ma si socializza a tutte le ore del giorno e della notte nelle strade e piazze dentro e fuori ai tanti locali per bere e mangiare.

Passeggiando raramente troverete un bar ristorante vuoto, tutti si fermano per due chiacchiere e una birra che viene servita direttamente con una piccola tapa.

A differenza di quello che ci si potrebbe aspettare non è Madrid la città delle TAPAS, questo è un ruolo che spetta a Siviglia e all’Andalusia. Però anche qui è possibile mangiare assaggiando più specialità, in porzioni che vengono chiamate raciones e che si prestano ad essere condivise con i propri commensali.

Ma andiamo subito al sodo, se passate qualche giorno in città ecco alcuni indirizzi per mangiare bene a Madrid senza prendere fregature (secondo me).

Pasteleria La Mallorquina – Calle Mayor 2

Troverete questa pasticceria su tutte le guide di Madrid, e devo dire che non è affatto male pure essendo in una zona superturistica. Al banco del caffè hanno alcune delle loro specialità che per noi italiani sono perfette per la colazione (cornetti, ventagli e sfoglie alla panna).

Casa Labra Sol – Calle de Tetuán 12

Solo in piedi se siete di passaggio prendete un bicchiere di birra fresca con una crocchetta e un filetto di baccalà. Non è il masimo del gourmet ma è davvero tipico di Madrid per scambiare due chiacchiere in compagnia. Prezzi bassi.

La Ribera tipico bar di quartiere a La Latina – Plaza de Cascorro 13

Se non avete grandi aspettative e avete bisogno di una breve sosta tra La Latina e Lavapies questo bar con tavoli all’aperto può andar bene. Non male l’ensaladilla (insalata russa) e la bruschetta (tostada) con prosciutto e pomodoro. Fanno anche sandwich semplici con verdure e carne e i prezzi sono più che abbordabili. Quando si ordina una birra in automatico arriva una piccola tapa.

La Huerta de Almeria metro Anton Martìn – Calle Magdalena 25

Se avete bisogno di un ristoro dal caldo questo è il posto ideale. Piccola bottega di frutta e cibi biologici gestita da giovani alternativi. Cucinano ottime torte (non perdete la cheese cake), frullati di frutta fresca e piatti pronti da asporto o da mangiare velocemente in loco tra cui lasagne di verdura e pasta. I prezzi sono molto economici e i ragazzi gentilissimi.

Restaurante Lateral – Plaza Sta. Ana, 12

Buon punto di riferimento nell’affollata e turistica Plaza Santa Ana. Tavoli all’aperto eleganti e locale interno molto accogliente. Menu vario e ottimo rapporto qualità prezzo vista la location. Da non perdere le crocchette (anche ai funghi) e le patatas bravas (con salsa piccante oppure all’aglio).

Greek and Shop Malasaña – Calle Corredera Alta de San Pablo, 9,

Anche qui sosta rinfrescante nell’allegro quartiere di Malasaña con estratti di frutta fresca o prodotti tipici greci o italiani (principalmente in vendita nello shop). Prezzi non proprio economici.

Restaurante Bocaito Chueca – Calle Libertad 6

Non posso nascondere che questo è il mio ristorante preferito a Madrid. In realtà trovo molto più interessante sedersi alla barra che non al tavolo, dove però si possono ordinare le stesse portate. Imperdibili i chopitos (calamaretti fritti), la tortilla e le crocchette (tra le più buone che si trovano in giro). I prezzi sono nella media dei ristoranti madrileni, il servizio è molto attento e quando siete dei clienti abituali non è raro scambiare due chiacchiere con i camerieri.

Atlántico Casa de Petiscos Av. de Menéndez Pelayo 11

Ci addentriamo in quella che è una cucina spagnola semplice ma ricercate. Questo è il locale che chef Pepe Solla ha aperto per servire specialità galiziane (molo amate dai madrileni). Assolutamente da provare il bocadillo de calamares (potete prenderne uno da 6,50 euro e dividerlo in due), davvero ottimo e lontano anni luce da quelli che vendono in Plaza Mayor.
La location è molto di tendenza, a pochi passi dal Parco del Retiro ed è nella zona chiamata il miglio d’oro delle tapas.

Platea – Calle de Goya 5-7

A pochi passi da Atlantico e dalla spettacolare Plaza Colon, si trova questo spazio gourmet che però è accessibile a tutti. Platea è un ex teatro dove su 3 piani si possono degustare cocktail, tapas o cucina stellata. Esistono diverse opzioni, ma se vi accomodate al piano terra per birra e tapas non spenderete molto di più che in un qualunque bar di Madrid (è questo il bello di questa città). Inoltre c’è un programma di spettacoli a cui è possibile assistere mentre si cena si tapea. I prezzi sono molto variabili e dipendono da dove vi accomodate e cosa mangiate.

Chocolateria San Gines – Pasadizo de San Gines 5

Anche se è famosissima le notti madrilene si concludono qui, davanti ad un churro con cioccolato caldo. A dire il vero il cioccolato non è il massimo, ma i churros non sono niente male. Dividete la porzione perché sono abbastanza grandi. Per 4 eruo avrete 6 churros e una tazza di cioccolato servita al tavolino.

Un’altra opzione che sicuramente merita è mangiare in uno dei tanti mercati della città, come il San Miguel in centro e il San Anton a Chueca, che da alcuni anni sono aperti fino a notte fonda, anche qui birra cocktail e tapas gourmet la fanno da padrona.

Ristorante 34 da Lucia a Vietri sul Mare

Quanto è bella la Costiera Amalfitana e quanto è buona… ma anche cara.

L’offerta ristorativa da queste parti passa dagli stellati alle trappole per turisti riuscendo però a conservare delle trattorie veraci in cui si può decidere quanto spendere.

Una tra queste è il Ristorante 34 da Lucia, nel centro del borgo di Vietri sul Mare, un po’ nascosta all’interno di una piazzetta che si apre all’interno degli stretti vicoli.

Pochi fronzoli, materie prime fresche (salvo altrimenti segnalato in menu), e alternanza tra grandi classici della zona e qualche aggiunta di stagione.

34-da-lucia-vietri

Al nostro tavolo abbiamo optato per un pranzo veloce ma sostanzioso: un piatto di genovese di tonno (pasta condita con il tipico sugo alla genovese napoletano fatto con cipolle e carne in lunga cottura qui viene preparato con il tonno appunto) e un piatto di antipasto misto di mare (alici fritte e marinate, polpo, polpettine di pesce, totano ripieno, pesce in bianco, salmone e patate e tonno). Da bere solo acqua.

34-da-lucia-genovese-tonno

Porzioni generose, sapori chiari e un buon rapporto qualità prezzo per mangiare bene nel centro di Vietri senza spendere troppo.

L’indirizzo è Via Scialli 48, Vietri Sul Mare (SA), è consigliabile prenotare al numero 089 761822