Incontra il Cibo Slow, l’evento di Slow Food a Napoli

Lunedì 20 marzo dalle ore 10,00 alle ore 18,00 al Castello Mediceo di Ottaviano (NA), sede dell’Ente Parco Nazionale del Vesuvio, Slow Food Campania dà vita a “Incontra il cibo Slow”.

Aspettando Leguminosa 2018, questo incontro è propedeutico a diffondere la conoscenza e le attività di Slow Food, attivare nuove relazioni e consolidare quelle esistenti sul territorio meridionale.

Incontra il Cibo Slow è un evento speciale realizzato ogni due anni da Slow Food Campania e dedicato ad un maggior approfondimento del valore di tutto il mondo Slow Food e dei suoi progetti, un B2B ma anche un incontro aperto in cui si creano occasioni di dialogo tra l’Associazione e i produttori, i ristoratori, i ricercatori, le istituzioni e gli operatori della comunicazione, al fine di favorire la nascita di nuove relazioni tra tutti i soggetti presenti.

Incontra il Cibo Slow è articolato in due grandi sezioni: l’Agorà, in cui è possibile avere tutte le informazioni di base sull’Associazione e sui suoi progetti attivi sul territorio regionale; la Borsa, in cui si realizzano appuntamenti di approfondimento e confronto sui temi e sui progetti associativi attivi sul territorio regionale ovvero i Presìdi, le Comunità del Cibo, l’Alleanza Slow Food dei Cuochi e dei Pizzaioli, il mondo della comunicazione, i progetti associativi regionali come Leguminosa e Sementia, il dialogo con le istituzioni e molto altro.

“Siamo convinti che l’attuale sistema di produzione e distribuzione del cibo sia profondamente iniquo, desideriamo cambiarlo, lo stiamo già facendo e non siamo soli – dichiara Giuseppe Orefice, Presidente Slow Food Campania e Basilicata.

Incontra il cibo Slow nasce per assolvere a due obiettivi: il primo è far conoscere a tutti che un altro modello più giusto e più rispettoso dell’ambiente esiste e che già molte persone vi si dedicano; il secondo è incontrare compagni di viaggio vecchi e nuovi, enti, persone, progetti che stanno lavorando o intendono lavorare al nostro fianco per scardinare un modello che fa della massimizzazione dei profitti l’unico valore e riduce il nostro cibo a merce”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...