Ristorante Vivo, Capalbio (Gr)

La Maremma è stata una scoperta che ho fatto negli ultimi due anni. Devo ammettere che avevo un preconcetto che me la faceva considerare troppo poco Toscana e allo stesso tempo troppo poco sud.

Dopo averla visitata per la prima volta nel periodo invernale, ne sono rimasta ammaliata.

Dai borghi all’interno fino ad Orbetello e il Parco dell’Uccellina tutto è armonioso, bello, buono da mangiare e da godere in tutte le stagioni.

Da un anno circa infatti è la mia meta prediletta per i bagni estivi del weekend, con destinazione un tratto di spiaggia ancora abbastanza selvaggio nei pressi di Capalbio (non vi rivelerò la località ;-).

E proprio qui che spesso dopo una bella giornata di mare cerchiamo sempre un punto di riferimento per cenare con qualcosa di locale e poter rientrare in serata verso Roma.

Ebbene questo posto l’ho trovato finalmente, si chiama Ristorante Vivo e si trova lungo la ferrovia di Capalbio, in un posto che bello non è, ma ti accoglie molto molto bene a tavola.

La particolarità di Vivo è il fatto che cucina a vista il pesce catturato direttamente dalla flotta della famiglia Manno, armatori e proprietari dell’azienda di pesca, allevamento, trasformazione e distribuzione di pesce.

Dal mare della Maremma (salvo le ostriche) direttamente al piatto con il suo lungo menu di crudi da poter ordinare anche al pezzo.

Il resto della carta invece è abbastanza limitato (per me un pregio): 3 antipasti, 3 primi, 3 secondi e i dolci.

Prezzi molto molto competitivi considerato che si mangia pesce fresco e le porzioni sono abbondanti.

Cosa si mangia al Ristorante Vivo

In 4 abbiamo ordinato un mix di pescato crudo (6 gamberi rosa, 4 rossi, 4 scampi e tartare di tonnetto). Moscardino alla luciana, crostini ricotta e alici marinate.

Per i primi: un risotto gamberetti e una delicatissima crema di peperoni, tagliatelle fresche con le cozze e il pomodorino, calamarata fresca con telline e pachino. Come secondo solo un abbondante fritto misto di pesce con calamari, gamberi, gamberetti, pescetti e salicornia fritta (da dividere in 4).

Ad accompagnare il pasto un bianco Maremma (vermentino e malvasia) della cantina Montauto, per chiudere un tiramisù e due caffè.

La cucina di fatto è molto semplice ed equilibrata, non ci sono sughi pesanti o stonature negli accotsamenti e il pesce riesce a venire fuori con tutto il suo buon sapore.

Devo ammettere che non ho trovato note negative sul cibo, forse solo un pochino di disorganizzazione ai tavoli (il locale è molto grande con un’area anche all’aperto e il sabato sera molto affollato).

Il prezzo? 28 euro a persona, pasto ricco e digestione semplice.

Ristorante Vivo Località la Torba – Capalbio (GR) 0564 172 8529 (consigliatissimo prenotare)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...